Home / Vini / Crostacei: quale vino?
crostacei e vino

Crostacei: quale vino?

Il miglior vino per la grigliata di pesce

Se stai pensando di organizzare una festa con i tuoi amici o con i parenti a base di vino e una griglia di pesce o di crostacei, per stupire i tuoi commensali devi optare per il giusto abbinamento. Una piccola attenzione può infatti garantirti un risultato degno delle più illustri cucine gourmet. Ma come scegliere i vini giusti? Non devi preoccuparti poiché non è necessario tu sia un sommelier o un esperto, molte preparazioni culinarie hanno già determinati abbinamenti scelti da professionisti del settore per cui non ti basterà che seguire alla lettera le loro indicazioni.
In collaborazione con il portale Passionebbq.it vediamo insieme qualche abbinamento

Vino e griglia: meglio quello rosso o quello bianco?

La grigliata in giardino è un momento conviviale molto apprezzato soprattutto nei periodi più caldi dove le cene all’aperto diventano decisamente piacevoli. La scelta del vino per la griglia da servire ai tuoi commensali può essere piuttosto ardua per questo motivo bisogna iniziare la ricerca in primis dagli alimenti che si andranno a cucinare. Infatti, in base alla tipologia di materia prima ci sono degli abbinamenti da seguire, in questo caso la questione va incentrata sui crostacei. La loro carne è piuttosto delicata e dolciastra, il sapore può peraltro essere facilmente coperto da un vino troppo corposo. Per quanto riguarda la tipologia, sono accettati sia i vini rossi sia quelli bianchi purché creino il giusto abbinamento con il piatto.

Quale vino rosso per la griglia di crostacei

Per il tuo pranzo o la tua cena dedicata a vino e griglia di crostacei puoi optare per un buon e intramontabile rosso. Tra i più indicati per l’occasione ci sono il Sangiovese e il Grignolino, due prodotti molto differenti tra loro il cui abbinamento merita una valutazione. Mentre il primo presenta dei caratteri decisamente più corposi e avvolgenti, il secondo si afferma in modo notevolmente più delicato, più raffinato e fresco, perfetto quindi per valorizzare il morbido sapere del crostaceo. Alcuni preferiscono abbassare la temperatura del vino nel momento in cui viene servito, puoi seguire anche tu questa indicazione ma ricordati di rimanere in un range tra i 18°C e i 14°C ricordando che ad una temperatura inferiore si corrispondono vini fruttati e delicati. Ovviamente accompagnare la grigliata con un rosso è più difficile di un bianco, tuttavia potrai comunque vedere la soddisfazione nel volto dei tuoi ospiti a fine pasto.

Bianco: il vino d’eccellenza per la grigliata di crostacei

Dopo aver esaminato alcuni rossi, ora avrai modo di rispondere al dilemma su quale sia il vino per la griglia di crostacei migliore tra i numerosi bianchi a disposizione per questa tipologia di preparazione. Il bianco è l’opzione migliore e più frequentemente fatta anche nei ristoranti perché si abbina perfettamente con i sapori marittimi di questi prodotti. La gamma in questo settore è piuttosto ampia, l’ideale è scegliere un vino capace di valorizzare la mancanza di grassezza del crostaceo, quindi che sia delicato e non eccessivamente secco. Interessanti sono quelli aromatici che presentano dei toni tendenti all’amaro, essenziale per controbilanciare la dolcezza delle carni.

Uno dei bianchi migliori da abbinare è il Franciacorta, uno spumante DOCG dal sapore sapido e fresco. Le bollicine si adattano perfettamente alla grigliata di crostacei purché non siano troppo intense. Questo vino è indicato per le occasioni importanti data la sua somiglianza con lo Champagne, quindi se hai in previsione una serata originale e caratterizzata da prodotti di nicchia, puoi optare per questa tipologia ricordandoti però di mantenerlo fresco tra i 10°C e i 12°C per apprezzarne a fondo le caratteristiche.

Un altro abbinamento tra vino e griglia di crostacei è quello con il Chablis, un prodotto originario della Borgogna che si caratterizza per un forte legame con il mare per via della nota iodata e della sapidità che presenta. Tali peculiarità derivano dalla coltivazione dei vitigni su terreni ricchi di fossili marini, in particolare la Exogira Virgola, che appunto trasferiscono all’uva un bouquet introvabile altrove.

Perfetto per essere abbinato ad astici e ad aragoste, la Vernaccia di San Gimignano è uno dei prodotti enologici più famosi in Italia. La storia di questo vitigno pone le sue radici molto indietro nel tempo, lo si può trovare infatti citato anche da Dante Alighieri nella Divina Commedia. Per quanto riguarda le sue caratteristiche, risulta un abbinamento indicato con i crostacei per via del sapore fresco, ben equilibrato e con una punta amarognola. L’aromaticità è un aspetto importante poiché alcune note richiamano gli agrumi e i fiori.

Una scelta alternativa con i vini rosé

Se volessi servire un’alternativa rispetto ai soliti prodotti, una tipologia di vino per la griglia di crostacei è quella formata dai rosé che coniugano le caratteristiche ottimali per i piatti di pesce dei bianchi con quelle più corpose e decise dei rossi. Tra i più indicati per accompagnare queste prelibatezze marine alla griglia ci sono l’Oltrepò Pavese Pinot nero Cruasé, il Costa d’Amalfi Rosé oppure, per ritornare in terra bresciana, il Franciacorta Rosé. Ovviamente l’origine del vino e il tipo di vitigno fanno la differenza in questi prodotti, per gustare però un vino buono e armonioso devi rivolgerti sempre a vini di qualità, con una produzione certificata e forniti di indicazioni su come vadano serviti per esaltarne tutte le caratteristiche.

About Redazione

Cerca anche

uva

I migliori vini bianchi della Liguria

La Liguria è la regione vinicola più piccola d’Italia, i suoi vini non sono facilmente ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *