Home / Vini / Vino Cervaro della Sala: il bianco della cantina Antinori
vino bianco cervaro della sala

Vino Cervaro della Sala: il bianco della cantina Antinori

Cervaro della Sala: la cantina Antinori

La cantina vuole essere un raccordo allo stesso tempo nostalgico e innovativo, tra un passato degno di nota della famiglia Antinori e un futuro ancora tutto da proporre e gustare, all’interno del paesaggio toscano, che della stessa famiglia e dei suoi vigneti è la terra d’origine e da cui la cantina prende i materiali naturali (cotto, legno, corten, vetro) per la sua costruzione.
Quando nell’ottobre del 2012 la cantina fu inaugurata, si rivelò da subito come una possibilità per gli eno-appassionati di assistere direttamente alla passione, all’attenzione e alla ricerca di qualità con cui la famiglia Antinori produce da ventisei generazioni i suoi vini.
Concepita nelle direttive del Marchese Piero Antinori e delle sue figlie, la cantina è stata realizzata, lungo sette anni di lavoro, dallo studio Archea Associati, con l’ingegnerizzazione di Hydea, in modo tale da essere quasi invisibile dall’esterno ed accogliere, invece, al suo interno, un’affascinante scala elicoidale che collega i tre piani della struttura, su cui si distribuiscono gli spazi amministrativi, produttivi e quelli aperti al pubblico, in cui è possibile assistere a tutte le fasi di coltivazione e produzione del vino, dalla vigna al prodotto finito in bottiglia, che sono andate affinandosi sempre più, nel corso di secoli di storia.

Vino Cervaro della Sala: caratteristiche

Il vino deve il suo nome ai Monaldeschi della Cervara, famiglia nobile che possedeva il Castello della Sala nel XIV secolo. Bisognerà attendere il 1940 perchè la famiglia Antinori acquisti la tenuta, e il 1987 per la prima bottiglia sul mercato di questo vino pregiato, che da allora non ha mai smesso di ottenere validi riconoscimenti e conquistare appassionati estimatori.
Dal punto di vista delle caratteristiche organolettiche, il vino conserva le qualità e i vantaggi di entrambi i vitigni utilizzati, lo Chardonnay e il Grechetto, che, dopo due processi di vinificazione distinti, vengono assemblati insieme. Così, nell’ultima annata del 2015, il Cervaro della Sala si presenta di colore giallo paglierino scarico per i riflessi ancora verdognoli, con un profumo complesso e avvolgente, fresco come un bouquet di agrumi, fiori di acacia e pere che, insieme agli aromi delicati della vaniglia, ne aumentano l’intensità. Al gusto, è elegante e vibrante, con distinguibili note dolci di nocciola e di burro, da un lato, e l’armonioso sapore della tostatura, dall’altro.

Cervaro della Sala: abbinamenti

Grazie alle suddette qualità organolettiche, questo raffinato vino bianco è abbinabile ad un ampio ventaglio di primi e secondi piatti, sia delle tradizioni locali umbra e toscana sia della cucina mediterranea, in particolare quelli a base di pesce.

Cervaro della Sala: il prezzo

Circa 35,00 Euro a bottiglia.

About Redazione

Cerca anche

vigneti altoatesini

Vini rossi altoatesini

La realtà vinicola della regione del Trentino Alto Adige è fortemente legata alla produzione di ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *