Home / Curiosità / Esiste davvero l’allergia al vino?

Esiste davvero l’allergia al vino?

Sono in molti a chiedersi se esista davvero l’allergia al vino. In realtà non si è allergici al vino, a meno che non si abbia una qualche allergia all’uva, ma si è allergici ai solfiti, quei conservanti che vengono aggiunti durante il processo produttivo del vino e che servono per preservarne la qualità. L’allergia ai solfiti si manifesta con una sintomatologia piuttosto ampia, vediamo cosa fare e come evitare che insorga.

Allergia al vino, cosa devi sapere

Come dicevamo, non esiste una vera e propria allergia al vino, quanto un’allergia a ciò che esso contiene, quindi al succo d’uva, all’alcol, o molto più facilmente ai solfiti. In quest’ultimo caso la soluzione più semplice è quella di cercare di consumare vini che non contengano solfiti.

I solfiti sono dei conservanti che vengono impiegati ampiamente nell’industria alimentare. Sono presenti in diversi cibi, ma è soprattutto nella produzione vinicola che trovano largo utilizzo. La loro funzione, come è facile immaginare, è quella di preservare la qualità del prodotto finale, quindi di conservarlo.

Non si tratta comunque di una sostanza dannosa per l’uomo in certe quantità, a meno che, come nel caso degli allergici, non si sviluppi una qualche sensibilità a riguardo. L’aggiunta di solfiti è ovviamente regolamentata dal legislatore, tuttavia, va detto che non sempre la dicitura è presente sulle etichette dei vini.

Come evitare i vini con i solfiti

L’aggiunta dei solfiti è regolamentata da una normativa, ma se scrivere gli ingredienti di un alimento sull’etichetta è obbligatorio, non lo è per i vini, quindi bisogna fare molta attenzione se si decide di gustarli.

Quando si acquista del vino è buona norma chiedere al rivenditore o alla cantina se contenga solfiti. Quando invece si va in ristorante, è bene informarsi sulla presenza di solfiti non solo nel vino ma anche negli alimenti.

I disturbi associati a questo tipo di allergia sono gli stessi che si manifestano per altre allergie, quindi dagli sfoghi cutanei fino a crisi respiratorie.

La carta d’identità alimentare

Oggi, in soccorso delle persone allergiche o intolleranti, c’è la carta d’identità alimentare, un documento ideato dalla HealthyFood SRL Unipersonale e che può comodamente essere compilato online. Rispondendo a un semplice questionario sulle proprie esigenze alimentari, si genera un documento che può essere esibito nei ristoranti o inoltrato ai ristoratori via email, in modo da non correre il rischio di incappare in qualche alimento o sostanza potenzialmente dannosa per gli allergici.

About Mauro

Cerca anche

Caffè corretto: una passione tutta italiana, che dilaga anche all’estero

Sono moltissimi gli italiani che il caffè lo prendono solo corretto, si dice così della ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *